venerdì 6 maggio 2011

Preliminari... sogno o realtà?


I preliminari, questi semisconosciuti, sono uno dei momenti più importanti di un rapporto sessuale o amoroso. Non ci sono regole ne manuali da seguire, e' puro istinto !! e' “ animalità' ” senza pudori e reticenze, e' liberare quell'esplosione di istinti primordiali, liberare i sensi da ogni costrizione, ci annusiamo ( olfatto ), mischiamo saliva e umori l'uno dell'altro ( gusto ) vogliamo sentire sotto le dita l'altra persona ( tatto ) ogni suo minimo sussulto ( udito ) osserviamo il volto cambiare più' volte espressione e abbandonarsi (vista ), un alchimia impazzita per entrare l’uno nell'intimo dell’altro, spogliare l’anima prima del corpo.
“Le parti dov'è più odore sono quelle dove si raccoglie più anima. L'occhio, che è senza odore, è specchio, non anima. Aggiungere profumi al corpo è aggiungere anima o fingere di averne, se manca, una. Gli odori troppo forti ci sono diventati sgradevoli, perché l'eccesso d'anima è intollerabile a misura che l'animalità naturale è repressa e frenata dalla civiltà.”
Guido Ceronetti
Complicità, desideri ,pulsioni che albergano nel nostro essere, molto simili a tutti ma cosi' stupendamente tutti diversi.
Dicono che l’uomo non ami i preliminari ma vi posso garantire che non è così, c’è da dire che l’uomo fisiologicamente e mentalmente ha un eccitazione totalmente differente dalla donna. Nel momento in cui l’uomo ha l’erezione, il suo pensiero è quello di scaricare una tensione che a lungo andare non sarebbe più piacere ma dolore, mentre la donna, mediamente, impiega dai venti ai trenta minuti per raggiungere uno stato di eccitazione e da questo si giunge all'orgasmo sicuramente in modo meno automatico.
Mi pare fondamentale sapere questa differenza di “tempi” per ribadire quanto sia importante dare il giusto tempo e importanza ai preliminari. Riguardo questo mi viene in mente una leggenda raccontatami da un amico facebookiano che narra del rapporto nella notte dei tempi…( riporto fedelmente le sue parole)… “la posizione prona, cioè con la faccia rivolta a terra, durante il rapporto sessuale, era ritenuta pericolosa, perché rendeva l’uomo vulnerabile ad attacchi, ci sarebbe voluta una guardia ma avere un'altra persone presente al momento dell’amplesso, poteva creare un po’ di imbarazzo, per cui toccò alla donna fare da sentinella, ed è per questo che il clitoride è separato dalla vagina, in modo da non essere stimolato durante il rapporto e quindi, non essendo eccitata, la donna poteva rimanere all'erta e individuare eventuali nemici”
Aldila' dalle leggende e' fondamentale comunicare, parlare, dire le proprie fantasie al partner, non aver paura di essere giudicati, l’importanza dei preliminari è basilare per la riuscita di un buon rapporto. Liberate le menti da orpelli culturali, sociali e religiosi subentra il gioco, il gioco amoroso e sessuale del preliminare, quindi aprite le vostre menti e date libero sfogo alla fantasia… spogliarelli, massaggi, leggere insieme racconti erotici ( il Kamasutra per esempio, nel quale si parla anche dei preliminari)…Sono sicura che le “pagine” migliori, sono quelle che scriverete, attimo dopo attimo, con la vostra fantasia..

Rosko Magister e Rosathea

1 commento:

  1. L'arte dei preliminari...è la fusione dei 5 sensi. Bisogna usarli tutti,per raggiungere...le esplosioni da entrambe le parti.
    bye....gigalx@fastwebnet.it

    RispondiElimina