lunedì 22 agosto 2011

Amore? No grazie ho smesso!

Comportamenti anomali, instabili, salvifici di chi d'amore vive, si nutre, e lo spaccia come panacea per tutti i mali... considerazioni in disordine sparso di un un ex crocerossina dell'amore... 

Amore... una parola che a molti suscita emozioni profonde, una girandola di immagini rosa ricamate con cuoricini  rosso passione... l'amore che dona, l'amore che prende...
Per qualcuno  l'amore è uno schiaffo in pieno viso, fastidioso, che riporta  alla ribalta esperienza negative, pruriginose e quindi lo si tiene a debita distanza, a volte con espedienti poco ortodossi, costruendo la maschera di chi è antipatico, saccente, arrogante, poco incline a tutto e a tutti ( mi ci ritrovo) ... e quindi si innalzano barriere dipinte da murales colorati che non lasciano trapelare quello che si è in realtà.
L'amore ci rende egoisti, ci trasforma in ominidi che si arrogano la presunzione di modificare abitudini, atteggiamenti, modo di pensare della persona amata, semplicemente perché non ci piacciono ( che poi, il più delle volte, sono proprio quegli aspetti che ci hanno fatto perdere la testa), come apportare modifiche ad un vestito troppo lungo, eliminando il pizzo e i ricami che ci sono sul orlo...come se diventassimo proprietari e gestori della vita dell'altro... 
L'amore presuppone intelligenza,  che il più delle volte viene oscurata da questo sentimento ingombrante e difficile da gestire.
Per quel che mi riguarda, credo di essermi innamorata una volta sola, le successive, ho scoperto con il tempo, che d'amore non avevano nulla, ma solo una voglia disperata di amare qualcuno, che è diverso...
Ci si aggrappa con tutte le forze ad una persona, idolatrandola, subissandola di sms, mail, chiamate, attenzioni morbose, quasi a volerla sommergere con la nostra presenza... anche se c'è chi si annulla totalmente pur di avere un tozzo d'amore e considerazione...
Non è amore... è l'ossessivo bisogno di colmare certi buchi dell'anima, di voler a tutti i costi il rospo da trasformare in principe o una donzella a cui far indossare la scarpetta di cristallo ( certo che le favole mi sono servite neh!)... Alla fine si diventa l'uno l'aguzzino dell'altro e mi domando se questo è l'amore.
Per comprendere i miei sbagli in materia sentimentale ho dovuto sbattere il grugno più volte sullo stesso errore, ho dovuto fermarmi , sezionare  e pulire la mia parte emotiva da tutti i residui tossici accumulati nel tempo ( e questo vale anche per le amicizie, ma è un'altra storia). 
La bramosia d'amore resta, cerco di cullarla, aspettando di trovare quella metà della mela che possa formare l'intero frutto ( sperando che non sia bacato), dovrei fare un accenno a Platone, ma mi dilungherei ancora di più....
L'amore dovrebbe essere ( e questo è come sempre un MIO pensiero), un incontro tra due anime nell'accettazione dei limiti e nel rispetto assoluto della libertà altrui, ecco perché  la mia ricerca mi porta a selezionare ( ussignur che brutto termine, sembra la ricerca di personale addetto a mansioni umanistiche, ma oggi pare che le parole siano lontane da me) persone che non cerchino una fidanzata a tempo pieno, un surrogato di mamma e crocerossina, insomma... nel frattempo, continuo il mio viaggio della vita, ricercando l'equilibrio ... a parole dico: Ho chiuso con l'amore.... ma sarà davvero cosi? 
Riuscirà la nostra eroina a saltellare su questa corda tesa nel vuoto senza cadere ? Ai posteri l'ardua sentenza....



5 commenti:

  1. l'amore semplicemente ama....... io il simposio l'ho mandato a fanculo da un pezzo ;-D

    RispondiElimina
  2. Ci sono rapporti che nascono in maniera insolita e sono rapporti intensi, a volte ci attacchiamo per sopravvivere o per paura di restare soli a questo genere di rapporti.

    Ma amare vuol dire vivere, nel bene e nel male e finchè si vivrà amore ci sarà di qualsiasi esso sia.

    Quando si provano emozioni per qualcuno, comunque è amore.

    Fatina Morgana <3

    RispondiElimina
  3. "Alla fine si diventa l'uno l'aguzzino dell'altro"
    ma è la definizione di relazione in un
    contesto bdsm! a parte gli scherzi, sono d'accordo, ami una persona se ne accetti i limiti e la supporti (sopporti?) nei momenti in cui
    questi limiti si manifestano nei comportamenti e nelle azioni

    RispondiElimina
  4. Il succo del discorso è che l’amore non esiste. Ognuno vive questa esperienza in modo autonomo e completamente diverso dall’altro/a. Occorre ammettere che si ama, ma non si è amati perché quello che noi diamo non è, e non può essere, uguale a quello che riceviamo o che desideriamo ricevere. In fin dei conti l’amore è tutta una montatura, un insieme di suffettazioni, che vanno a giustificare o a “nobilitare” un atto molto semplice e istintivo che è quello dell’accoppiamento. Sesso senza amore? Sì, sesso senza amore.
    Enrico

    RispondiElimina
  5. Triste pensare che non possa esserci l'amore... in fondo in fondo, ci spero sempre... proprio perchè ho così tanto da dare....

    RispondiElimina